tel FOGGIA 0881.707509 - TRANI 0883.486842
FOGGIA 0881.707509
TRANI 0883.486842
BLOG

Castagne, coltura autunnali pessime compagne di dieta, come consumarle

È un’abitudine comune che il desiderio di proseguire con una dieta debba spesso scontrarsi con la realtà, composta da pranzi in famiglia, abitudini e festività, e che queste influiscano negativamente con la propria cura estetica e la propria autopercezione. Con l’arrivo dell’autunno fanno la loro comparsa sulle tavole italiane le gustosissime castagne, appetitose se saltate in padella o tra le fiamme, assaporate a casa o per strada, protagoniste di un numero imprecisato di ricette. Che impatto hanno con la dieta?

La preparazione delle castagne può avvenire in diverse maniere, è possibile bollirle e cuocerle al forno, arrostirle su fiamma viva o assaporarle a secco, dettagli che vanno ad influire sulla durezza e sulla croccantezza del frutto. Al suo interno, anche se cotta a temperature elevate, sono presenti un gran numero di sostanze nutritive, dimostrandosi perfetta per affrontare il gelido inverno alle porte, ma dimostrandosi di conseguenza poco dietetico. Le castagne contengono il 7% di proteine, il 9% di lipidi e l’84% di carboidrati, risultando inoltre prive di carboidrati.

Grazie all’elevata percentuale di carboidrati presenti nelle castagne si dimostrano un perfetto piatto suppletivo per un pranzo povero, e posseggono un’elevata percentuale di sali minerali, come potassio, antisettico e ottimo rinforza muscoli e ghiandole; fosforo, calcificante e ottimo per la formazione della cellula nervosa, lo zolfo: sodio, utile alla digestione e all’assimilazione; magnesio, che partecipa alla formazione dello scheletro e agisce come rigeneratore dei nervi; calcio che fa bene ad ossa, sangue, nervi e persino cloro per rinforzare denti e tendini.

È bene ricordare però che le castagne sono un frutto estremamente calorico, con 174 calorie per 100 grammi. Pertanto se non si vuole subire alcuna conseguenza dalla loro assimilazione è bene consumarle in sostituzione di altri pasti o consumandole con moderazione. Il loro indice glicemico alto costringe chi ha problematiche in tal senso a fare attenzione nell’assaporarle, mentre di rimando non contengono glutine, risultando perfette per i celiaci. Se si è in dieta è bene scegliere con attenzione il momento perfetto per consumare castagne. Evitate di farlo a fine pasto se non volete eccedere in carboidrati e calorie, che potrebbero portare all’insorgenza di problematiche intestinali come gonfiori e meteorismo. Se possibile, è sempre bene evitare di assumere pane e pasta insieme alle castagne. Il momento ottimale risulta essere la colazione, ricche di nutrienti che non solo sapranno dare una sferzata di energia ma sono anche ottimi per la cura estetica del proprio aspetto.



Articolo precedente:


Articolo successivo:

Vuoi diventare estetista?

Corso di Estetista

Qualifica professionale e
abilitazione alla professione

Vuoi diventare acconciatore?

Corso di Acconciatore

Qualifica professionale e
abilitazione alla professione
SEDE DI FOGGIA

Via Trento 57, Foggia (FG) - 71121
Telefono: 0881 707509

SEDE DI TRANI

Corso Imbriani 31, Trani (BT) - 76125
Telefono: 0883 486842
ORARI

Lunedi-Venerdi: 8:00-19:00
Sabato: 8:00-13:00

RECAPITI

E-mail: info@cesvim.it
Fax: 0881 707509
Cesvim Academy sas © 2018
P.IVA 05726750721
Privacy e cookie policy
Credits ServiziWeb