fbpx
tel FOGGIA 0881.707509 - TRANI 0883.486842
FOGGIA 0881.707509
TRANI 0883.486842

Corsi per Estetiste e Parrucchieri non autorizzati: Controlli e multe a tappeto

Il fenomeno delle estetiste e dei parrucchieri non autorizzati è molto sentito in tutta Italia, con particolare intensità al Centro e al Sud.

Il problema del settore dilaga su diversi aspetti, dall’esercizio stesso dell’attività fino alla formazione. Indagare le ragioni di questa tendenza non è semplice, ma è doveroso soffermarcisi. Negli ultimi anni la Guardia di Finanza e gli organi di controllo stanno lavorando instancabilmente per monitorare l’andamento e per contrastare le azioni illegali e fraudolente. Il giro di vite è necessario per ridare respiro all’intero settore, offrire servizi di qualità nel rispetto delle leggi e delle norme igieniche, per un mercato finalmente pulito, corretto e trasparente.

 

Formazione non autorizzata per estetiste: cosa sta succedendo?

In Puglia, come in molte altre regioni d’Italia, si assiste a un aumento della richiesta dei corsi di formazione per parrucchieri ed estetiste. Cresce la domanda e di conseguenza cresce l’offerta. Cresce anche il numero delle persone che lavorano senza autorizzazione e che non possono offrire garanzie per operare, in quanto l’attività professionale dev’ essere svolta sempre nel rispetto dei regolamenti previsti.

L’aumento della richiesta di corsi di formazione ha coinciso con un ulteriore problema che il settore deve affrontare, per assicurare ai futuri professionisti un degno trattamento, un insegnamento di qualità e che offra sbocchi sicuri. I corsi di formazione non autorizzati aumentano. Da una parte quei corsi di qualche giorno che promettono attestati e competenze impossibili da acquisire in così breve tempo, dall’altra corsi che sembrano possedere gli stessi requisiti di quelli regolarmente riconosciuti, ma che si distinguono per alcune criticità da non sottovalutare mai.

Chi sceglie un corso di formazione deve sempre informarsi sulle garanzie offerte. In particolar modo il rilascio delle certificazioni e delle qualifiche previste per l’esercizio della professione.

 

I rischi dell’attività non autorizzata di estetista o parrucchiere

Gli organi di controllo stanno portando avanti un’azione di controllo, con sanzioni altissime per coloro che svolgono l’attività  senza le dovute tutele e il rispetto delle norme vigenti.

Le multe sono salatissime e in alcuni casi è prevista addirittura la reclusione.

I controlli sono diventati indispensabili per fermare una deriva che purtroppo cresce, toccando picchi di un operatore non autorizzato  su tre  in alcune zone d’Italia.

La diffusione dei social network ha contribuito a rendere sempre più dilagante la presenza di operatori non professionisti, che tramite la rete creano la propria clientela, non offendo il minimo rispetto di garanzie, con segnalazioni che sottolineano pratiche mal eseguite, utilizzo di prodotto di scarsa qualità e mancanza di sterilizzazione degli strumenti.

Ricordiamo che l’esercizio di lavoro non autorizzato viene trattato dal Codice Penale, che dichiara che “chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa da euro 103 a 516.

Gli illeciti amministrativi di chi lavora senza  seguire i protocolli di sterilizzazione, igienizzazione costituiscono reato  e ci si stupisce che sia ancora necessario ribadirlo.

 

La formazione non autorizzata

Un’altra piaga che sta rovinando il settore è quella della formazione non autorizzata. Corsi per parrucchieri ed estetiste, brevi e improvvisati, oppure corsi di formazione che sembrano avere gli stessi requisiti di quelli riconosciuti ma che si rivelano delle truffe architettate ad arte.

Ormai da anni si assiste a questi casi, connotati da falsificazioni di ogni sorta, dai registri delle presenze contraffatti passando per la sottoscrizione di contratti senza alcuna validità legale, dai quali non si ottiene alcun certificato per lo svolgimento dell’attività in futuro.

Le inchieste di Carabinieri e Guardia di Finanza stanno setacciando l’ambiente dell’estetica legato alla formazione, e alcune realtà colpevoli di aver erogato formazione non autorizzata sono andate incontro a conseguenze rilevanti: falso ideologico di privato in atto pubblico e truffa aggravata. Queste sono le conseguenze per coloro che tentano di eludere i controlli e le normative di settore.

Ma non sono meno gravi le conseguenze che di riflesso si riversano sugli sprovveduti studenti, che nella speranza di ottenere sbocchi lavorativi all’ interno di un mondo a cui aspirano ottengono soltanto una manciata di fumo, la delusione di aver preso una colossale fregatura.

A tutto questo si somma il rischio di svilire e affossare un’intera categoria, giocando senza regole e rovinando una professionalità che nel corso dei decenni si va via via sempre più definendo e valorizzando.

 

Ci auguriamo che la consapevolezza sull’ importanza del rispetto dei regolamenti in tutti i comparti del settore estetico cresca sempre di più, insieme alla possibilità per tutti di svolgere il proprio lavoro con grandi soddisfazioni. Diffidate dalle informazioni poco chiare e dalle situazioni che non garantiscono riscontri ufficiali per i servizi offerti.

L’estetica, la cura di sé e il benessere merita di essere rispettati, in tutti i suoi aspetti.

 

 



Articolo precedente:


Vuoi diventare estetista?

Corso di Estetista

Qualifica professionale e
abilitazione alla professione

Vuoi diventare acconciatore?

Corso di Acconciatore

Qualifica professionale e
abilitazione alla professione
SEDE DI FOGGIA

Via Trento 57, Foggia (FG) - 71121
Telefono: 0881 707509

SEDE DI TRANI

Corso Imbriani 31, Trani (BT) - 76125
Telefono: 0883 486842
ORARI

Lunedi-Venerdi: 8:00-19:00
Sabato: 8:00-13:00

RECAPITI

E-mail: info@cesvim.it
Fax: 0881 707509
Cesvim Academy sas © 2019
P.IVA 05726750721
Privacy e cookie policy
Credits ServiziWeb